Natale 2017: Tra un caffè e un presepe… in-strada-ti.

Pubblicato giorno 1 dicembre 2018 - Archivio, Festività, Presepi

-

Tra un caffè e un presepe…  in-stradá-ti!

Quante volte abbiamo sentito, soprattutto noi napoletani, l’espressione “Caffè sospeso”! Addirittura Luciano De Crescenzo ne ha parlato in un suo libro spiegandone il significato.

Ma chi mai ha sentito parlare di “Presepe sospeso”?

Si trova nella Chiesa della Natività di Maria Vergine ai Colli di Fontanelle e l’ha ideato Don Tonino De  Maio con alcuni parrocchiani, suoi aiutanti.

Ormai noi del paese siamo abituati alle sue sorprendenti creazioni, soprattutto natalizie, ma ogni volta lo stupore aumenta: c’è sempre in esse qualche elemento di novità che attira la nostra attenzione e ci induce a riflettere sul messaggio evangelico implicito, ben sapendo che egli va oltre ciò che semplicemente mostra.

Spiegare questo “Presepe sospeso” è difficile perché le parole non possono rendere l’impatto emozionale che si prova entrando in chiesa e trovarsi subito sotto al presepe e, contemporaneamente, nel presepe.

Difatti, esso è posto in alto, sospeso in aria!

Per guardarlo bisogna passare sotto una strada di luce e un cielo stellato e ammirare dal basso il passaggio dei pastori, che, dall’entrata della chiesa, si dirigono verso la capanna, collocata sull’altare, al centro della navata principale, dove ad attenderli c’è la luce delle luci, Gesù Bambino che brilla, ancora di più, su tutto e su tutti.

E’ un tripudio di luci ma anche di effetti ottici che cambiano a seconda della posizione in cui si sta in chiesa: guardando il presepe dall’altare si nota l’avanzare dei pastori verso la capanna, ma, se si osserva lo stesso dall’entrata, si vedono i pastori andar via e ritornare, per la stessa strada, verso le proprie abitazioni… verso la  vita di ogni giorno.

Questo scenario, veramente inusuale, ha ancor più senso se si considera il significato religioso, apparentemente implicito, che don Tonino gli ha attribuito.

Lo ha spiegato dall’altare durante l’omelia e ci ha indotto così ad un’interpretazione più spirituale e più profonda di quanto avevamo dinanzi.

Il presepe -ha detto- non deve essere il risultato di un rituale monotono che si ripete per tradizione, ma ci deve ricordare l’essenza della nostra fede che non si esprime in un giorno ma in una vita intera, trascorsa camminando sulla strada indicata da Gesù, in conformità di quanto raccontato nel Vangelo (strada della luce).

In questa ottica, i pastori siamo noi fedeli nell’atto del cammino della nostra vita e l’andata verso la capanna rappresenta la nostra appartenenza e devozione alla fede cristiana e il ritorno indica il nostro agire nella pratica quotidiana in qualità di figli di Dio.

“In-stradá-ti”, inteso come immissione sulla strada dell’amore, sull’esempio di Cristo, è dunque il punto centrale del discorso poiché  è sulla strada che mostriamo quanto siamo cristiani coerenti.

Lo ha dimostrato per primo Gesù, nella sua vita terrena, quando sulla strada ha soccorso i bisognosi; in strada ha incontrato la Samaritana; in strada ha percorso la via del Calvario.

Anche noi camminando per strada dobbiamo rivolgere l’attenzione a chi ha bisogno di noi: ai poveri, ai profughi e, spesso, agli ultimi, “scartati” dalla società, che per Cristo, invece, sono “pietre d’angolo”.

Un compito non facile ma in sintonia con l’invito di papa Francesco di andare verso le periferie esistenziali piuttosto che fermarsi davanti alla capanna o starsene soltanto nelle chiese.

Queste considerazioni associate alla struttura originale ed artistica del prodotto, elevano questo presepe ad opera metaforicamente trascendentale, tanto che nessuno può guardarlo senza porsi domande sull’essenza della propria cristianità.

  Anna Guarracino

natale 2017-2

Natale2017-1

Natale2017-3

 

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)